Allevamento

Grigio Alpine

le grigio alpine della Contrada Bricconi Azienda Agricola

A gennaio 2014 abbiamo acquistato presso l’asta della Federazione Allevatori Sudtiroll le prime tre manze di razza Grigio Alpina, un bovino prettamente montanaro oggetto di un Presidio Slow Food e incluso nell’elenco delle razze zootecniche a limitata diffusione.

Da quel momento, tra parti naturali e altre aste, siamo giunti oggi a possedere  una ventina di capi, di cui sei vacche da mungitura.

Crediamo molto in questa razza, oggetto della mia prima tesi di laurea, reputandola infatti un animale in grado di coniugare all’adattamento alle condizioni della montagna delle buone produzioni in termini di carne e latte.

I nostri bovini si nutrono di erba durante la bella stagione e fieno aziendale durante l’inverno.

Durante la mungitura aiutiamo la produzione di latte somministrando alle lattifere 5 kg/capo/giorno di una miscela di soia, cereali e sali minerali.

Ad oggi disponiamo di terreni sufficienti per coprire i fabbisogni della stalla. Come ogni agricoltore, a fronte di stagioni negative per la fienagione come il 2014, acquistiamo fieno presso altri allevamenti.

Da un anno pratichiamo noi stessi la fecondazione artificiale acquistando seme di toro Grigio Alpino proveniente dall’Alto Adige, auspicando un miglioramento continuo del nostro bestiame e contribuendo alla salvaguardia e all’incremento genetico di questa razza unica.

I vitelli da allevamento

i vitelli da ingrasso e allevamento della Contrada Bricconi Azienda Agricola

Una volta nato il vitello viene riposto in un box con giaciglio confortevole e pulito e gode di cure continue: gli viene somministrato con l’apposito biberon per tre volte al giorno il latte materno che, soprattutto nei primi giorni, è fonte di preziosissimi principi immunitari.

Per ben tre mesi il giovane animale beve quindi latte e pian piano abitua il suo stomaco a ruminare e quindi digerire fieno e una piccola quantità di mangime rumino-stimolante. Dal quarto mese sostituiamo il latte con il siero, ossia acqua e siero proteine ottenute dalla trasformazione del nostro latte in formaggio.

A questo punto i vitelli, una volta giunta la bella stagione, iniziano a pascolare e a giugno, insieme alle manze più adulte e alla vacche asciutte che attendono un nuovo parto, vengono condotti in alpeggionella Valzurio, precisamente presso le Alpi Verzuda e Rigada (tra i 1500 e i 2200 metri di quota) dove rimangono fino alla metà di settembre. Una volta rientrate nei pressi della Contrada, pascolano il ricaccio di erba autunnale dei prati.

Le femmine vengono fecondate per la prima volta attorno ai due anni di età e, dopo nove mesi, partoriscono il loro primo vitello diventando a tutti gli effetti vacche da latte e iniziando così a produrre latte.

I maschi attorno all’anno di età vengono condotto presso una azienda agricola nelle vicinanze della Contrada dove, in una struttura dedicata e rispettosa delle normative sul benessere animale, vengono macellati. Lì prepariamo cassette di carne di Grigio Alpina già porzionata che consegniamo previa prenotazione ai nostri clienti.

I Suini

i suini della della Contrada Bricconi Azienda Agricola

Acquistiamo i suini del peso di circa 70 kg presso una azienda agricola di Clusone e li alleviamo in Contrada.

Alimentiamo i nostri suini con circa 10 litri di siero (derivante dalla lavorazione del nostro latte in formaggio) ed una miscela di cereali certificata da noi composta.

I suini raggiungono il peso di 180-200 kg in circa 6-7 mesi e poi vengono macellati e lavorati presso due aziende agricole del posto competenti in materia.

Con le carni ottenute dalla macellazione produciamo il Salame Bergamasco, i cotechini, la pancetta e altri tagli, a seconda della richiesta dei nostri clienti.